Proponiamo qui le domande e risposte della rubrica L’Esperto Risponde pubblicate su GravidanzaOnLine e della rubrica Domande del Paziente pubblicate su MioDottore a cura del Dott.Zurzolo. Scorri per scoprire di più!
Buonasera ho 34 anni, mi è stata diagnosticata l’endometriosi, ho una ciste ovarica di origine endometriosica l’ovaio è semi-mobile,ma è ingrossato e ci sono aderenze in più di recente hanno trovato un piccolo nodulo utero-sacrale.
Prendo visanne da quasi due mesi e ho sempre lo spotting e qualche dolore (di bassa intensità) pelvico. Volevo chiedere se è normale e soprattutto se questa terapia sia in grado di fare regredire la malattia aderenze comprese oppure se comunque prima poi mi debba sottoporre a qualche intervento.
Dottor Luca Zurzolo

La terapia con Visanne attualmente è il miglior metodo farmacologico esistente, tuttavia non è possibile con certezza determinare se la malattia in futuro posso richiedere un intervento chirurgico.po

Buongiorno, scrivo perché ho passato gli ultimi due anni in cerca di una gravidanza che non arrivava.
Dopo varie peripezie, mi sono rivolta a un centro di fecondazione assistita, dove a fine maggio ho effettuato una laparoscopia diagnostica che è esitata nella ‘pulizia’ da focolai endometriosici. Questo venerdì ho scoperto di essere incinta (ultimo ciclo iniziato il 7 giugno). Attualmente prendo il progesterone (in quanto mi era stato suggerito di non sospenderlo) e il cardirene (poiché affetta da artrite reumatoide e con gli anticorpi antifosfolipidi lievemente alti). Scrivo perché sono in Inghilterra fino a inizio agosto, e ho delle difficoltà a contattare il centro (ho un appuntamento il 6 di agosto). Non si era mai parlato di tempistiche certe per il progesterone, che attualmente sto continuando a mettere (1 ovulo la sera): se continuo a metterlo fino al 6 di agosto c’è qualche problema?
Grazie mille e buona giornata
Dottor Luca Zurzolo

Il progesterone può continuarlo tranquillamente, aggiunga anche PREFOLIC una compressa al giorno e valuti assieme al suo reumatologo l’opportunità di iniziare terapia con DELTACORTENE.

Ho una cisti ovarica da tenere sotto controllo ca 125 sono ok ma vorrei sapere una cosa… Nel caso dovessi operarmi potrei fare laparoscopia anche se a 4 anni ho avuto la peritonite?
Dottor Luca Zurzolo

É possibile procedere per via laparoscopica in caso di intervento.

Buongiorno, vorrei sapere se la laparoscopia si può effettuare anche per l’asportazione di cisti ovariche di grandi dimensioni (8/9/10 cm).
Grazie.
Dottor Luca Zurzolo

Tecnicamente si, ovviamente va valutato caso per caso in base alla tipologia della cisti.

Salve…sono incinta ed ho fatto le analisi del sangue di citomegalovirus ed è risultato positivo IgG 5,6 positivo e la IGM 2,7 positivo e non so cosa vuol dire…e il test IgG avidity e 41 ( c’è scritto forte avidità ). La mia ginecologa non riesco a rintracciarla e sto per impazzire… mi spiegate x favore come interpretare questo risultato??? Cioè ho avuto in passato il virus oppure è in corso??? Grazie mille
Dottor Luca Zurzolo

Forte avidità vuol dire che l’infezione è di vecchia data, può stare serena.

Gentili dottori vi illustro il mio quadro miometriale: fibromi intramurali a salienza sottosierosa della parete anteriore di mm 25 e adiacente a questo altro di mm15, più interno e posteriore di mm 38×30 circa diam max e altro più laterale e sopra istmico di mm 25 diam max. Probabilmente altri piccoli fibromi intramurali. Data la proiezione di maternità e la mia età (quasi 39) ho optato, in accordo con il mio medico, per un intervento conservativo.
E’ la scelta più ragionevole o potevo provare (così come mi ha suggerito inizialmente il medico) un trattamento medico trimestrale?
Dottor Luca Zurzolo

Gentile signora, se il collega non riscontra controindicazioni specifiche il trattamento con esmya nel suo caso può portare giovamento.

Buonasera,
il prolasso dell’utero potrebbe essere causato da un parto in cui è stata utilizzata una ventosa per l’estrazione del feto che al momento della nascita era troppo grosso per l’estrazione? Molto probabilmente, in questo caso specifico avrebbero dovuto optare per un cesareo, ma nel 1978 non era consuetudine e utilizzando la tecnica della ventosa è avvenuto il prolasso di cui domando?
Grazie
Dottor Luca Zurzolo

Gentile signora, il prolasso dell’utero può trovare concausa nel parto spontaneo ma sicuramente laddove è possibile eseguire il parto vaginale è preferibile al taglio cesareo, a mio avviso la condotta dei colleghi risulta corretta.

Salve, ho fatto il test del DNA fetale ed è risultato “aumento rischio trisomia 21”; tra due giorni farò l’amniocentesi, ma ho una domanda. Un valore aumentato significa che il mio bambino è sicuramente Down? Il cut off di riferimento era 3.50, e il mio valore è 8.43. La ringrazio
Dottor Luca Zurzolo

Gentile signora, i test del dna fetale su sangue materno sono test probabilistici, non danno quindi la matematica certezza della diagnosi che deve appunto poi avvenire tramite amniocentesi che è l’unico esame diagnostico che permette di avere una risposta certa. Va tuttavia precisato che nello specifico per la trisomia 21 o sindrome di Down l’attendibilità del NIPT è pari al 98% quindi molto alta, quindi è purtroppo molto probabile che l’amniocentesi confermi questo risultato. In bocca al lupo

Buon pomeriggio, sono alla mia seconda gravidanza dopo 7 anni. Ho un bambino con traslocazione reciproca bilanciata crom:11/22 ereditata dal papà e diagnosticata tramite villocentesi. Molti mi consigliano il nipt test approfondito per evitare l’indagine invasiva. Dottore, volevo avere un parere da lei, se cioè mi consiglia quest’indagine non invasiva e anche se non diagnostica, sovrapponibile ai risultati della villocentesi. Ho 30 anni . Grazie e buona serata
Dottor Luca Zurzolo

Salve i test del dna fetale su sangue materno sono test probabilistici, non danno quindi la matematica certezza della diagnosi che deve appunto poi avvenire tramite amniocentesi/villocentesi, data la sicurezza ormai raggiunta per questi esami nei centri ad alta specializzazione le suggerisco vivamente di praticare l’amniocentesi. Cordiali Saluti

Salve dottore, sono alla fine del quarto mese do gravidanza e a metà del terzo mese sono andate completamente in crisi: avevo attacchi d’ansia con tremore, tachicardia e insonnia. Ora piano piano sta sparendo, anche se ho sempre un po’ di tensione sopratutto se guido e, se qualcuno mi taglia la strada, mi spavento tantissimo, fino a tremare. Tutta questa ansia può aver arrecato danno al mio bambino? Grazie
Dottor Luca Zurzolo

Gentile signora, ansia ed attacchi di panico non creano danni al bambino stia serena, piuttosto se questi sintomi sono insorti in gravidanza e prima non ne soffriva informi il suo ginecologo e gli chieda di fare anche una valutazione della tiroide che spesso può avere un ruolo in questa sintomatologia. Cordiali salutiti

Buongiorno dottore, sono passati 8 giorni dal parto cesareo e già da tre giorni non ho alcun tipo di perdita, e trovo sempre l’assorbente pulito. È normale?
Dottor Luca Zurzolo

Gentile signora, di solito dopo un taglio cesareo o dopo un parto spontaneo le perdite possono presentarsi per circa 20 giorni, tuttavia questa durata non è obbligatoria, ben venga se le perdite si arrestano in un tempo più breve. Cordiali saluti

Buongiorno, sono alle sesta settimana di gravidanza. Ho il fattore rh negativo mentre mio marito no. Ho avuto un aborto interno alla settima settimana (espulso poi naturalmente due settimane dopo) e poi una biochimica. Posso aver creato gli anticorpi? Non mi hanno fatto nessuna puntura di immunoglobulina e sono molto preoccupata per questa gravidanza.
Dottor Luca Zurzolo

Gentile signora, avrebbe dovuto praticare le immunoglobuline dopo l’aborto per evitare il rischio di isoimmunizzazioen, per la nuova gravidanza è importante monitorare la situazione effettuando mensilmente il test di Coombs su prelievo di sangue e seguire attentamente il quadro ecografico fetale. Cordiali saluti

Salve dottore, sono una ragazza di 27 ann, mio figlio ha 7 anni e dopo tanto abbiamo deciso di allargare la famiglia. A luglio mi sono sottoposta a visita ginecologica di routine e pap test, ad agosto abbiamo cominciato ad avere rapporti completi, ma oggi mi è arrivato il risultato del pap test, che referta una vaginosi batterica. Chiamerò il ginecologo ma nel frattempo volevo sapere se la vaginosi può impedire il concepimento o può generare problemi per un’eventuale gravidanza? La ringrazio in anticipo, buona giornata
Dottor Luca Zurzolo
Gentile signora, la vaginosi batterica di per se non è causa di infertilità, in ogni caso va trattata in quanto qualsiasi infezione vaginale può creare un ambiente sfavorevole per gli spermatozoi diminuendo le chance di fecondazione. Cordiali saluti
Salve, sono a 19 settimane+4, ho 37 anni e fino ad ora è filato tutto liscio: non ho avuto nessun disturbo e il piccolo cresce regolarmente. Ho fatto l’’amniocentesi 18 giorni fa e ho seguito il riposo totale per 4 giorni e poi piano piano ho ripreso a fare le faccende di casa e qualche passaggiata, ma senza sforzi e senza alzare pesi. Una settimana fa ho avuto leggere perdite rosse e mi sono subito preoccupata d andata dal ginecologo, il quale ha scrupolosamente fatto tutti i controlli e non ha visto nulla di preoccupante o diverso dal solito. Per il resto della settimana, nessuna perdita o altri segnali preoccupanti. Comincio anche a sentire qualche movimento del piccolino. Oggi di nuovo, qualche goccia di perdite rosse, e il ginecologo continua a non vedere nulla di anormale, mi devo preoccupare? Qualche consiglio? Le perdite in gravidanza sono normali? Grazie!
Dottor Luca Zurzolo

Gentile signora, lievi perdite di sangue in gravidanza sono un fenomeno molto frequente che in ogni caso merita sempre molta attenzione, è opportuno ogni volta che riscontra queste perdite avvisare il suo ginecologo che volta per volta valuterà l’opportunità di effettuare terapia o meno. In ogni caso finchè le perdite si manifestano è indispensabile osservare assoluto riposo a letto onde evitare che questi fenomeni da lievi possano invece esitare sotto sforzo in una franca emorragia con rischi per la salute materna e fetale. Cordiali Saluti

Salve dottore, sono alla 33esima settimana e il mio ginecologo la settimana scorsa mi ha informato che la piccola ha un liquido nel rene sinistro e tra una settimana e mezzo mi vuole di nuovo a visita. Le ho chiesto cosa significasse ma mi ha detto di stare tranquilla. Cosa potrebbe essere? Sono molto in ansia. Grazie, cordiali saluti.
Dottor Luca Zurzolo

Gentile signora, modeste dilatazioni dei bacinetti renali sono di frequente riscontro durante le ecografie di routine, se la dilatazione è inferiore ad 1cm non è indicativa di alcuna patologia. Tale fenomeno si verifica più spesso nei feti di sesso maschile che femminile, è opportuno effettuare monitoraggi ecografici un pò più frequenti proprio per verificare che tale dilatazione non aumenti oltre il centimetro. Può proseguire serenamente la gravidanza. Cordiali Saluti

Gentile dottore, questa mattina ho trovato un po’ di sangue nelle feci e sono all’ottavo mese di gravidanza precisamente a 32 settimane+ 6 giorni. Mi devo preoccupare?
Dottor Luca Zurzolo

Gentile signora, questo fenomeno è molto frequente nel terzo trimestre ed è spesso legato alla stitichezza o alla presenza di emorroidi, in entrambi i casi non c’è da preoccuparsi, si rivolga al suo ginecologo per una terapia lenitiva in caso di emorroidi o lassativa in caso di stitichezza, chieda comunque di essere visitata per escludere eventuali altre causa relative a questo sintomo. Cordiali Saluti

Buongiorno, sono di 15 settimane+1 giorno. Ieri erroneamente ho baciato il mio compagno, che presenta l’herpes labiale. Io non l’ho mai contratto fino ad ora, o almeno non si è mai manifestato. Ci sono stata sempre attenta. Ho letto che può essere pericoloso se contratto per la prima volta in gravidanza. Cosa posso fare?
Dottor Luca Zurzolo

Gentile signora, l’herpes in gravidanza può creare problemi solo se di tipo vaginale ed in fase attiva durante il travaglio, verosimilmente avrà altre volte baciato il suo compagno senza esiti, può pertanto stare serena e proseguire senza paura la gravidanza e senza negare un bacio ogni tanto al suo partner. Cordiali Salutiti

Buongiorno dottore, si possono avere figli se si ha un ernia iatale allo stomaco?
Dottor Luca Zurzolo

Salve, questo tipo di patologia non comporta alcuna conseguenza per la gravidanza, l’unico effetto collaterale per la madre potrebbe essere un senso di pesantezza allo stomaco ed una marcata sensazione di reflusso che in ogni caso non hanno relazione con il corretto svolgimento della gestazione. Cordiali Saluti

Buongiorno. Ho subito un aborto spontaneo per la presenza di polipi endometriali che ne hanno impedito il pieno avvio (non c’era battito). Tra qualche mese dovrei subire l’intervento. Dopo circa 10 giorni dall’AS, ho avuto un rapporto con mio marito ma il preservativo si è sfilato. Avendo paura di una gravidanza (proibita visto l’accaduto precedente sino all’intervento) ho assunto Norlevo. Dopo circa 5 GG ho iniziato ad avere un sanguinamento tipo ciclo.
Per cui dall’aborto in poi ho avuto sempre perdite, lievi o più abbondanti.
Premesso che non è stata una soluzione da me gradita ma che ho assunto per evitare un nuovo AS, se per il resto mi sento bene (no febbre, nausea, ecc solo mal di pancia tipo mestruo a volte), quando potrò capire di avere il ciclo? Quando termineranno queste perdite? Qualche consiglio?
Grazie.
Dottor Luca Zurzolo

Salve, le perdite che descrive non sono preoccupanti visto l’accaduto, purtroppo non è possibile determinare precisamente come e quando il ciclo si ristabilirà regolarmente, in ogni caso di solito massimo in 60 giorni tutto torna alla normalità.

Buongiorno, ho 37 anni.
Dopo eco la ginecologa mi riscontra una formazione cistica di 30 mm che secondo lei è un follicolo non scoppiato. (26 giorno ciclo ma ho spesso cicli lunghi). Mi dice di prendere la pillola subito in modo che si riassorba visto che ad ottobre dovrò fare transfer di embrioni crioconservati.
Ho comunicato questo al centro PMA e non hanno voluto farmi un eco di controllo, mi dicono si prenda la pillola.
La mia domanda è si può prendere la pillola senza aspettare il ciclo ?
Quel follicolo sarebbe potuto scoppiare nei giorni successivi ?
Grazie
Dottor Luca Zurzolo

Gentile Signora, segua il consiglio dei colleghi la procedura che le hanno indicato è corretta.

Buonasera, incinta di 5 settimane, ho fatto la ricostruzione gel con primer acido (non sapevo) cosa mi conviene fare? È grave? Le devo far levare? O ormai non serve? Grazie
Dottor Luca Zurzolo

Non crea nessun problema alla gravidanza, può tenerlo :)..

Salve, ho una cisti endometriosica in trattamento con visanne da due mesi 3,8 – 3,5ora di 3,5- 2,2 mm sta regredendo potrei provare a fare una gravidanza naturale con l’aiuto del clomid?
Dottor Luca Zurzolo

Sarebbe opportuno proseguire il clomid fino a completare sei mesi di terapia e poi valutare la regressione della cisti.

In termini tecnici formazione liquida in loggia annessale sx con sottile deposito calcifico di parete cosa significa? È una cisti con potenziale maligno per via del deposito calcifico?
Dottor Luca Zurzolo

Queste informazioni sono parziali, da quanto descritto non sembra una formazione maligna, è tuttavia opportuno eseguire un dosaggio dei markers: ca125 ca15.3 ca19.9 cea afp he4 con indice roma per ulteriore cautela.

Buonasera Dottore,
Le scrivo perché ho un problema che da tempo, mi causa fastidio e non posso farmi visitare prima del prossimo mese.
Ho 19 anni e un ciclo molto irregolare, ho praticato sala pesi intensamente per 4 anni, fino a quando, circa due mesi fa, ho iniziato un allenamento personalizzato in un centro EMS, dove ci si allena con delle speciali tute, che altro non sono che elettrostimolatori.
Il mese scorso ho avuto un ciclo di breve durata e molto strano, diversamente dal solito, costituito da sangue per i primi tre giorni e poi, di lì a poco, sono iniziate delle perdite vaginali scure, marroni, che ho ancora oggi, nonostante sia passato appunto, un mese.
La cosa mi causa disagio e preoccupazione perché oltre ad avere mal di pancia, e non poter avere rapporti con il mio ragazzo, le perdite sono molto copiose.
Ho anche pensato , sicuramente erroneamente, di poter aver subito un aborto spontaneo, dato che l’elettrostimolazione è controindicata in gravidanza e io ne faccio uso intenso, due volte a settimana, con appunto delle tute che coprono tutto il corpo, addome compreso e mandano elettrostimolazioni ad una frequenza alta.
Secondo lei, dovrei fare un test?
Dottor Luca Zurzolo

Salve, questo tipo di tute e di allenamento è difficile che interferiscano con una eventuale gravidanza, è opportuno fare una ecografia transvaginale ed eventualmente un dosaggio ormonale per capire la causa del sanguinamento.

Buonasera,
Sono una ragazza di 23 anni, sono alla fine del ciclo, e noto che sia ieri che oggi, delle perdite di sangue, tra il rosso e il rosa in certi casi sembrano di più delle altre volte, ma non sporco più di 1/3 dell’assorbente, e occasionalmente vedo nel water pezzi, credo, di muco sporchi di sangue rosso. In più con il caldo ho notato la zona genitale infiammata dovuto a irritazione, presentava rossore. Per questo caso sto facendo dei lavaggi con gel ad azione antibatterica e prodotti spray ad azione lenitiva e antibatterica. Le perdite, e i pezzi di muco sporchi, possono essere attribuite ai residui del ciclo, leggermente più abbondanti del solito per colpa dell’eccessivo stress, nuovo lavoro, e delle alte temperature, oppure devo preoccuparmi per qualche polipo uterino o addirittura peggio riguardante utero e zona genitale? Prefetto che sto seduta tutto il giorno lavorativo.
Ringrazio
Dottor Luca Zurzolo

Da quanto riferisce possono essere semplici perdite da ciclo, se ha eseguito il regolare controllo annuale può stare tranquilla, viceversa se è più di un anno che non fa controlli è opportuno effettuare una visita ed una ecografia.

Buongiorno Dottore,
sono due mesi e poco più che soffro di un forte dolore in FID. Sono stata sottoposta a diversi esami strumentali, due volte sono stata al pronto soccorso, ho eseguito diversi esami ematici, ho effettuato una visita ginecologica in pieno ciclo mestruale; mi hanno fatto girare da uno specialista all’altro (chirurgo generale, gastroenterologo,ortopedico) somministrato terapia antidolorifica ( tachidol, brufen) senza beneficio. Il dolore ancora persiste e l’epicentro del dolore è in zona pelvica. Ho effettuato a distanza di un mese e con un ciclo mestruale di mezzo due RM (una addominale e delle pelvi ed una della colonna lombare sacrale ed anca destra) e nella prima RM si è evidenziata una formazione cistica semplice di 13 x 10 mm a pareti lievemente e omogeneamente ispessite, compatibile con corpo luteo, da rivalutare post ciclo mestruale. Nella successiva eseguita il 28/08 a circa otto giorni dalla fine del ciclo mestruale risulta in sede annessiale destra una formazione iperintensa di 22 mm da rivalutare ecograficamente in una fase diversa del ciclo. Il dolore è costante, aumenta e diminuisce nell’arco della giornata ma non va mai via. Soprattutto in posizione laterale e seduta il dolore accentua.
Inizio a preoccuparmi perchè sto convivendo con questo dolore da due mesi e più.
Ringrazio anticipatamente per una risposta.
Dottor Luca Zurzolo

Gentile Signora, effettui una ecografia transvaginale ed il dosaggio dei marcatori biochimici per determinare la corretta natura e posizione della formazione cistica e valutare una terapia o un intervento chirurgico per rimuoverla.

Buonasera, ho una cisti endometriosica ora di 3,5 – 2,2 I primi tre mesi ho fatto il monitoraggio dei follicoli e non ovulavo ora ho fatto tre mesi di cura con visanne la cisti sta regredendo molto lentamente ma regredisce, che possibilità ho di avere una gravidanza naturale visto che nei primi tre mesi non ovulavo? Qual è la probabilità di rimanere incinta in maniera naturalmente o mi conviene provare direttamente con il fivet? Grazie in anticipo
Dottor Luca Zurzolo

Le cisti endometriosiche riducono le performance dell’ovaio ma non sono causa diretta di infertilità provi per 6 mesi ad ottenere spontaneamente la gravidanza se non arriva si rivolga ad un centro PMA per valutare a fondo le cause di infertilità.

Salve,
ad aprile ho inserito il secondo impianto Nexplanon. Con il primo non ho avuto nessun problema, ciclo leggero e abbastanza regolare.
Questa volta ho avuto delle leggere perdite nei giorni successivi all’impianto, mentre fino ad agosto assenza completa di ciclo.
Il 13 agosto ho avuto un normale ciclo, non abbondante e senza dolori mestruali durato circa 5 giorni.
Una settimana fa ho avuto un rapporto non protetto con coito interrotto, la sera stessa ho avvertito dei leggeri dolori al basso ventre, simili a quelli mestruali o da ovulazione. Sono continuati anche nei giorni seguenti e in questi giorni in cui sarebbe dovuto arrivare il ciclo che però non è ancora comparso. Oltre a questi ho avuto dei mal di testa più frequenti e qualche episodio di stipsi, delle leggere perdite biancastre.
Vorrei sapere se questi dolori possono essere normali e “sostituire” il ciclo o se possono essere legati al rapporto non protetto, ma non completo e se sia il caso di effettuare un test di gravidanza o fare una visita di controllo.
Grazie
Dottor Luca Zurzolo

É opportuno comunque effettuare una ecografia, i fastidi riportati non possono “sostituire” il ciclo, è comunque esclusa l’ipotesi di una gravidanza se il nexplanon è inserito correttamente.

Salve. Avrei bisogno dell’opinione di un esperto riguardo a un fatto accaduto 2 settimane fa.
Ho avuto un rapporto non protetto con un ragazzo conosciuto da poco. 2 giorni dopo ho notato la comparsa di alcune placche sulle tonsille. Sono andata dal medico di base che mi ha prescritto Amoxicillina zentiva e al termine della cura le placche erano quasi come all’inizio. Cosi sono tornata e ha prescritto Giason 200. Ora sono al terzo giorno del nuovo antibiotico ma i segni di miglioramento non sono molti. Il mio primo pensiero è stato che la causa delle placche fosse che avevo preso freddo la sera, ma ora mi viene il dubbio che la causa sia un altra. Qual è la sua opinione e cosa mi consiglia? Grazie in anticipo
Dottor Luca Zurzolo

Prosegua la cura prescritta dal collega e verifichi se ha febbre o mal di gola, è improbabile che sia legato al rapporto avuto 48 prima.

Ho 46 anni il 15 luglio sono stata sottoposta ad isterectomia mi hanno conservato le ovaie. Il 3 agosto ho accusato dei forti dolori ipocondrio sinistro e mi hanno ricoverato eseguita ecografia che ha rilevato una cisti anaecogena con dubbio se annessiale o linfocele di 4,5 cm eseguita poi tac rileva cisti in loggia annessiale sx con sottile deposito calcifico di parete, il ginecologo convinto che io avessi aderenze voleva rioperarmi , come è possibile che ci fosse una cisti sulla ovaio come descritto cosa significa che devo preoccuparmi ? Devo eseguire i markers?
Dottor Luca Zurzolo

Se è presente una cisti è opportuno eseguire i markers e valutare una terapia o un intervento

Salve, sono un ragazzo di 22 anni, la mia ragazza 2 settimane fa ha preso la pillola del giorno dopo in seguito ad un rapporto, oggi per errore dopo il nostro rapporto sessuale ci siamo accorti che il preservativo era completamente rotto. È possibile prendere un’altra pillola a distanza così ravvicinata dall’altra?
Dottor Luca Zurzolo

Salve, si può riprendere la pillola ma è comunque un farmaco che ha un impatto sul metabolismo, se avete rapporti stabili valutate l’opzione di prendere la classica pillola anticoncezionale che ha dosaggi leggeri è sicura e vi permette di vivere una sessualità serena.

Buonasera,
ho un’infiammazione vaginale che va avanti da mesi, confermata da un PAP test fatto a luglio. Sono presenti alterazioni riparative reattive e reperti litici. Tra i microrganismi presenti è stata rilevata la citolisi lattica. Come posso capire le cause dell’infezione e trovare la cura adeguata?
Dottor Luca Zurzolo

Il pap-test in buona sostanza non ha rilevato nulla di specifico, valuti l’opportunità di eseguire un tampone vaginale meglio se eseguito con metodica PCR.a.

Formazione liquida in loggia annessiale con sottile deposito calcifico di parete cosa significa? È potenzialmente maligna?
Dottor Luca Zurzolo

Queste informazioni sono parziali, da quanto descritto non sembra una formazione maligna, è tuttavia opportuno eseguire un dosaggio dei markers: ca125 ca15.3 ca19.9 cea afp he4 con indice ROMA per ulteriore cautela.

Salve, prendo la pillola Novadien da 4 mesi.
Il 4 mese ho avuto un episodio di vomito ed ho dovuto prendere due pillole (una espulsa), rimanendo cosi con una pillola in meno. Ho terminato il blister con un giorno di anticipo e ho eseguito la pausa di 7 giorni, per poi ricominciare un nuovo blister un giorno prima (martedì anziché mercoledì). Durante la pausa ho avuto un rapporto non protetto. Sono a rischio gravidanza?
Dottor Luca Zurzolo

Non sei a rischio gravidanza se hai assunto le pillole come descritto.

Buongiorno…da circa 15 giorno tranne questa settimana perché ho avuto il ciclo mi capita che durante e dopo il rapporto sessuale con mio marito sento un bruciore intimo che scompare dopo circa un’oretta…cosa puoi essere…cosa devo fare??
Dottor Luca Zurzolo

È opportuno effettuare una visita ginecologica ed un pap-test il fastidio potrebbe essere legato ad una atrofia ad una infiammazione o ad una infezione.

Gentile Dottore, sono una donna di 38 anni, ho sempre avuto cicli regolari (26/28 giorni) e abbondanti. Ho avuto 2 gravidanze.
L’ultima visita ginecologica risale al mese di aprile, pap-test negativo.
Nel mese di agosto mi è venuto il ciclo regolarmente il giorno 27, ma la quantità è stata scarsa. Solo la sera del secondo giorno un flusso abbondante, e poi per gli altri giorni un flusso molto scarso rispetto al solito.
A distanza di 11 giorni, precisamente il giorno 6 settembre, ho avuto dapprima delle macchie marroni e poi mi è ritornato il ciclo: i primi due giorni scarso, il terzo, oggi, molto abbondante, come al solito.
A cosa può essere dovuto questo doppio ciclo? E perché il flusso è scarso? Dopo la mestruazione di agosto il seno mi era rimasto gonfio e dolente, con quest’ultima invece si è ritornato quasi normale.>
Dottor Luca Zurzolo

Uno sbalzo del ciclo mestruale in termini di quantità durata e cadenza mensile non è preoccupante e anzi molto frequente spesso nel periodo estivo, se il problema dovesse ripresentarsi effettui un’ecografia.

Salve, sto cercando seconda gravidanza da 6 mesi. Ho già un figlio avuto naturalmente e subito a 35 anni. Ora ne ho 39. Dall’ultimo pap-test è risultata flora batterica di tipo misto e consigliato di ripetere pap-test dopo sei mesi. La mia ginecologa mi ha indicato di seguire terapia con Tiagin fast ovuli per 10 giorni per 3 mesi. Avrei due domande al riguardo. Durante il trattamento è preferibile non avere rapporti non protetti? Io li ho avuti dopo 24 ore dall’ultimo ovulo, subito dopo ciclo e prima dell’ovulazione. questa infezione diminuisce la probabilità di rimanere incinta? Grazie mille del chiarimento.
Dottor Luca Zurzolo

È preferibile evitare i rapporti durante la terapia, questo tipo di infezione può diminuire le possibilità di ottenere la gravidanza è preferibile sicuramente curarla.

Salve…ho 23 anni e prendo da 13 giorni la pillola anticoncezionale Effiprev però il mio dermatologo a causa di alcune carenze, rotture di unghie e poca crescita e soprattutto dagli esami precedenti si è accorto che ho mancanza di ferro e vitamine e mi ha prescritto Ferrograd per un mese, folina 5mg per un mese e Onikrin per 3 mesi, quest’ultimo è un integratore rinforzante per unghie e capelli a base di aminoacidi solforati. Ma di mattina prendo anche un betabloccante ma tutte queste pillole non influiscono sul l’assorbimento della pillola anticoncezionale?? Ho bisogno urgente di una risposta per favore
Dottor Luca Zurzolo

Puoi prendere tutti i farmaci senza timore, l’effetto della pillola anticoncezionale è comunque valido.

Buongiorno, vi contatto per un problema con la mia compagna, quando facciamo sesso orale, lei non sente niente è dopo sente la vagina come anestetizzata, dopo prova lei a toccarsi ma non sente più niente, non capisco quale sia il problema… Potete aiutarci? Cordiali saluti
Dottor Luca Zurzolo

I casi di anorgasmia possono avere una componente fisica ma più frequentemente il principale fattore è psicologico, provate ad effettuare una consulenza in questo senso.

LGBTQ+ FRIENDLY

Made with love by P&R | Pubbli&Rolando